News

http://motionup.emotiondesign.it/CLIENTI/cellfood/img/NEWSL_10_04_08/vitamine.jpg Le vitamine. Zero calorie...

Intervista al dr. Mariani

Le vitamine. Zero calorie... Mille vantaggi! Intervista al dr. Mariani

Le vitamine sono sostanze naturali a “zero calorie”, ossia totalmente sprovviste di potere energetico, ma non per questo prive di un proprio ruolo biologico. Anzi, più di ogni altro nutriente, esse sono assolutamente indispensabili per il corretto svolgimento delle funzioni dell’intero organismo.


Cosa sono esattamente le vitamine?


Le vitamine costituiscono un insieme di composti organici, molto diversi tra loro dal punto di vista chimico, indispensabili a qualsiasi organismo vivente per la crescita, per l'integrità strutturale delle cellule e per il regolare svolgimento dei processi metabolici. Alcune di esse, dette “idrosolubili” (complesso B e vitamina C) aiutano gli enzimi a funzionare meglio, consentendo alle reazioni chimiche da cui dipende la nostra stessa vita di svolgersi senza “intoppi”. Altre, dette “liposolubili” (A, E, D, K), svolgono un’azione più articolata e varia (mantenimento del benessere della pelle e della funzione visiva, difesa dai radicali liberi, protezione delle ossa, prevenzione delle emorragie).

Hanno tra loro qualcosa in comune?

Nonostante l’eterogeneità chimica, le vitamine posseggono tutte una struttura chimica relativamente semplice (con l’eccezione di alcune di esse come la vitamina B12, la cui formula è il terrore di tutti gli studenti di Medicina!) e hanno la capacità di agire a dosi piccolissime (il fabbisogno medio giornaliero è dell’ordine dei milionesimi o dei millesimi di grammo).
Inoltre, indipendentemente dalla loro struttura, ciascuna vitamina svolge un’azione specifica e, soprattutto, è un micronutriente essenziale.

Che cosa significa “micronutrienteessenziale”?

Per le vitamine si usa il prefisso micro per indicare una classe di sostanze necessarie a piccole dosi, al contrario di altre, come carboidrati, grassi e proteine, il cui fabbisogno giornaliero è molto più elevato (macronutri-enti). Le vitamine, inoltre, sono essenziali, e cioè assolutamente indispensabili ed insostituibili. Ecco perché devono essere necessariamente assunte con l’alimentazione.

Una corretta alimentazione garantisce sempre un adeguato apporto di tutte le vitamine?

In linea di massima, una corretta alimentazione, variata ed equilibrata, basata sul generoso apporto di frutta e verdure, garantisce al nostro organismo il giusto apporto di vitamine e previene le ipovitaminosi.

Che cos’è una “ipovitaminosi”?

È una sindrome (o un complesso di sintomi) conseguente ad un apporto inadeguato di una o più vitamine. Una classica ipovitaminosi, caratterizzata da emorragie e ritardo nella guarigione delle ferite, è lo “scorbuto”, dovuto ad una carenza grave di vitamina C. Indubbiamente le sindromi da carenza vitaminica insorgono – e continuano ancora a svilupparsi, purtroppo – nei Paesi in cui predominano la malnutrizione o, addirittura, la fame. Tuttavia, ciò non significa che chi vive nei Pesi Occidentali sia del tutto esente dal rischio di ipovitaminosi.

Quali fattori possono favorire l’insorgenza di sintomi da ipovitaminosi nella nostra società?

Sono almeno dieci le cause, secondo i nutrizionisti:
1) assumiamo spesso alimenti di scarsa qualità nutrizionale;
2) cuciniamo male verdure e ortaggi;
3) consumiamo troppi cibi conservati o “trattati”;
4) abbiamo sovente un’alimentazione monotona;
5) seguiamo diete dimagranti squilibrate;
6) noncuriamo i disturbi digestivi;
7) soffriamo spesso, senza saperlo, di intolleranze o allergie alimentari;
8) non svolgiamo un’adeguata attività fisica;
9) non ci rendiamo conto di condizioni fisiologiche (crescita, gravidanza, allattamento) che fanno andare “in riserva” il nostro patrimonio vitaminico;
10) non prendiamo in considerazione che alcune cattive abitudini (es. alcolismo) o malattie (es. infezioni) o certi farmaci (es. antibiotici, pillola) aumentano il fabbisogno di vitamine.


I bambini e i ragazzi, oggi, possono essere a rischio di ipovitaminosi?


L’età pediatrica è una classica situazione ad elevato rischio di carenza vitaminica, perché in essa si concentrano molti dei 10 fattori sopra discussi, in primo luogo l’aumentato fabbisogno legato alla crescita (punto 9).

Che suggerimento dà alle mamme?


Occorre innanzitutto migliorare lo stile di vita, ottimizzando con apposti alimenti l’apporto di questi preziosi micronutrienti. Il modo di cucinare e di conservare i cibi è anche un punto cruciale: preferire la cottura al vapore e privilegiare la frutta e la verdura fresca sono regole tassative. Quando si è in condizioni tali da non poter ragionevolmente garantire un adeguato apporto di vitamine, può essere utile il ricorso ad un’integrazione multivitaminica.

Quali le novità, in campo pediatrico?


Una novità rilevante in campo pediatrico è CELLFOOD® Multivitamine 100% RDA spray orale, l’UNICO integratore naturale multivitaminico con attività ANTIOSSIDANTE ORAC DOCUMENTATA che vanta un potenziale biologico antiossidante misurato con il BAP TEST (DIACRON Grosseto) oltre 30 volte più elevato di quello considerato ottimale per il plasma umano.





Cellfood Salute Cellfood Sport Cellfood Medicina