CELLFOOD fornitore ufficiale di un grande campione - Cellfood

Testimonianze

CELLFOOD fornitore ufficiale di un grande campione


"In cuor mio ci speravo ed ora che e' ufficiale non posso nascondere la mia soddisfazione": Giorgio di Centa, due medaglie d'oro ai giochi olimpici di Torino 2006 sara' il portabandiera azzurro a Vancouver 2010.

L'annuncio del presidente del Coni, Gianni Petrucci, giunge oggi, a cento giorni dalla cerimonia d'apertura delle olimpiadi invernali. "una grande soddisfazione - dice - e un grande onore poter rappresentare l'Italia".

"A 37 anni realizzo un sogno". sottolinea Di Centa che poi racconta della gioia nell'apprendere la notizia in una giornata particolare, la festa delle Forze Armate, per lui che e' carabiniere. "Un motivo in piu' di gioia - sottolinea - perchè io devo molto ai carabinieri ed alle forze armate che mi hanno consentito di avviarmi a questo sport e che mi hanno sempre sostenuto in tutti questi anni".

L'alfiere azzurro ricevera' dalle mani del Presidente della Repubblica il Tricolore: "è  la realizzazione di un sogno che avevo nel cassetto - esclama - è come dare continuita' alla cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Torino 2006, quando ho vinto l'oro nella 50 chilometri".

Il ricordo di quel giorno e' nitido, "ed essere il portabandiera a Vancouver e' il massimo, non potevo sperare di meglio, rappresentare tutti gli italiani e' qualcosa di incredibile".

"Abbiamo scelto Di Centa per il suo passato e per quello che rappresenta" e' il commento del presidente del Coni, Gianni Petrucci, che definisce il fondista friulano "l'ideale". "C'erano anche altri atleti che lo meritavano, come Zoeggeler - afferma Petrucci - ma lo slittinista sara' in gara gia' il giorno dopo la cerimonia di apertura dei Giochi, per cui alla fine abbiamo preferito Di Centa: siamo sicuri che rappresentera' degnamente il nostro Paese".

Di Centa a Vancouver dovra' difendere le due medaglie d'oro vince quattro anni fa nella 50 chilometri e nella staffetta. "Il primo obiettivo sara' la staffetta dove difenderemo l'oro di Torino, poi cerchero' di difendere l'oro conquistato nella 50 chilometri. Sara' piu' difficile rispetto a Torino perchè e' cambiata la tecnica ma ci proveremo lo stesso". L'azzurro ci provera' anche nella 15 chilometri tecnica libera a cronometro e nella 15+15 mass start, "dove ho vinto il bronzo ai mondiali. Sono queste le gare dove ci si aspetta di piu' da me e dagli altri italiani in gara".

Per visualizzare il depliant cliccare qui.





Cellfood Salute Cellfood Sport Cellfood Medicina